La malattia riflette una sofferenza dell’anima.

donna2

Molti ancora pensano che una malattia vada compresa solo nella sua fisicità. Si impegnano quindi ad eliminare il sintomo fisico, spesso invano. Non si vuole riconoscere che la malattia o una sofferenza è sempre l’espressione di una circolarità tra mente, corpo e anima. E che la sofferenza e il dolore vanno compresi anche nella loro finalità perché causa e scopo vanno insieme per far evolvere la persona.

Ricordo una donna. Aveva appena festeggiato il suo 25° anniversario di matrimonio. Da qualche mese, erano apparse inspiegabili perdite di sangue ogni volta che iniziava un rapporto intimo con il marito. Ormai non lo amava più ma pensava che bastasse fingere il piacere, ogni tanto, per portare avanti quel matrimonio che era diventato una fredda convenzione sociale.
A niente valsero le visite specialistiche. Non c’era nessun danno organico e si cominciava ad ipotizzare “il brutto male”. Ma lei nonostante tutto si sentiva sollevata perché la sera andava a dormire in quel letto senza più l’obbligo di una sessualità indesiderata e forzata. Il marito non la cercava, per ora, perché malata.
Un conflitto per molto tempo irrisolto finchè comprese che quel disagio era lo strumento che il suo corpo e la sua anima stavano utilizzando per farle capire che quell’ adattamento non era più tollerabile. Bisognava cambiare. Esitava, non lo credeva possibile. Un giorno ne ebbe la prova e l’evidenza: incontrando un altro uomo che le piaceva, fece sesso con lui, con passione, senza “spargimenti di sangue”. Così dovette prendere una decisione: rimanere con il marito e affrontare l’argomento tabù: matrimonio senza sesso – dormire in stanze separate, oppure separarsi.
Si separò, rinunciando a molti benefici economici che il matrimonio le offriva. Scelse la sua libertà, la sua salute. Da allora, ci sono stati altri due uomini nella sua vita ma non ha più avuto alcuna recidiva. E’ “inspiegabilmente guarita”.

Published by

Maria Giulia Minichetti

Maria Giulia Minichetti

Psicologa – Psicoterapeuta – Abilitata in Ipnosi Ericksoniana e Biocostellazioni Iscritta all’Ordine degli Psicologi e Psicoterapeuti del Lazio (5034). Dal 1995 esercita come libera professionista. Le esperienze personali di molteplici modelli di psicoterapia e metodologie innovative nel settore della salute e del cambiamento, oggi confluiscono in uno stile personale di Psicoterapia Integrata. Progetta seminari di Biocostellazioni per la risoluzione dei sintomi fisici e di miglioramento delle relazioni affettive, sociali e professionali. Effettua consulenze individuali e di coppia per adulti e adolescenti.

Lascia un commento