Tutta colpa dello stress?

Hai l’emicrania? La colite? La gastrite? L’ansia? La tachicardia? L’insonnia? Fai le analisi e tutti gli esami clinici ma niente: è colpa dello stress.
Ma cos’è lo stress? Ne parla per la prima volta il Dr. H.Selye nel 1936 e da allora sembra che sia diventato la fonte di qualsiasi malattia. Egli lo definì come “la risposta non specifica dell’organismo ad ogni richiesta effettuata su di esso”. Cioè? Uno stato di tensione che si manifesta con modifiche organiche e in grado di provocare modifiche a livello immunologico, una tensione che si somatizza a livello organico e diventa sintomo. E’ come una coazione a ripetere, uno stimolo che non raggiunge mai la sua soddisfazione.

Ma anche lo stress è un effetto: è una risposta dell’organismo ad un evento improvviso, spiazzante che non si ricorda; e questa risposta si è cristallizzata, è diventata abitudinaria, cronica. Una risposta che può essere cambiata scoprendo ciò che produce lo stress: il “chi” o “che cosa” non è stato ancora visto e riconosciuto: una separazione, un amore fedele verso qualcuno, un attaccamento che non si riesce a lasciar andare, un’ingiustizia, un’umiliazione o più situazioni contemporaneamente che hanno fatto “saltare” il normale equilibrio della persona.
Si può vedere chi e cosa c’è dietro lo stress? Si.
E una volta visto, riconosciuto e integrato, si riprende la propria salute e il proprio benessere, cioè si ricomincia a fluire morbidamente con la vita.